Viaggio in treno, viaggio un po' più sereno!

Generazione Giovani PPD ritorna sul tema FFS: buoni i miglioramenti in vista con le proposte dei nuovi sistemi di pagamento ma non fermiamoci qui, investiamo anche nel trasporto pubblico a lungo termine.

Lo scorso 6 novembre, alcuni esponenti del movimento giovanile cantonale (Baggi, Monaco e Rappi), assieme al presidente dei Giovani PPD svizzeri, Tino Schneider, hanno scritto una lettera aperta alle FFS dal titolo “Viaggio in treno viaggio sereno è forse tutto vero?”. In questa lettera i Giovani PPD esprimevano il disagio vissuto in seguito a corse costantemente in ritardo, vagoni sovraffollati, spazio insufficiente per bagagli o biciclette e passeggeri costretti a scendere dal treno per motivi di sicurezza. Oltre a ciò, nella lettera vi erano pure delle proposte sviluppate in ottica di migliorare la situazione, tra cui:

  • L’introduzione di un abbonamento che estenda la fascia oraria di utilizzazione gratuita dei mezzi pubblici agli studenti in modo da consentire una maggiore diluizione ed una conseguente minore pressione sulle corse serali;
  • Valutare l’adozione del moderno sistema “Pay as you go”, già diffuso in diverse città europee.

Nell’edizione dell’8 novembre 2017 di La Regione il portavoce delle FFS per il Ticino, Patrick Walser, ringraziava i Giovani PPD per aver formulato proposte concrete sulle quali le FFS potessero confrontarsi. Oltre alla risposta immediata, Generazione Giovani PPD si felicita di vedere che le FFS stanno procedendo con un miglioramento dei servizi in tal senso. Ad esempio, con l’offerta di un “Billig-upgrade” che offre la possibilità di pagare un surplus di soli 5-10 CHF, a dipendenza se il tragitto è più o meno lungo di 30 minuti, permettendo ai viaggiatori di seconda classe di proseguire il viaggio in prima in caso di sovraffollamento del treno; Inoltre, in un’ottica di sperimentazione, Gian-Mattia Schucan – fondatore e CEO della Fairtiq (applicazione che permette l’utilizzo del sistema “Pay as you go” o “BIBO – Be-in/Be-out) – ha recentemente comunicato che a partire da inizio 2018 il loro servizio sarà implementato nell’applicazione delle FFS, permettendo così di testare questo nuovo sistema di pagamento per tutta la Svizzera. Sulla stessa linea, ci sarà pure “Lezzgo” – l’applicazione “sali, cambia, scendi e paga dopo” – sempre introdotta a partire dall’anno nuovo dall’azienda di trasporti BLS.

Generazione Giovani si ritiene soddisfatta delle misure intraprese poiché si tratta di un notevole passo avanti per il futuro del trasporto pubblico. Il movimento giovanile sostiene però che la proposta del sistema “Pay as you go” così come presentata dalle FFS non sia sufficiente: si ritiene che il sistema non debba essere introdotto unicamente a livello giornaliero, bensì a periodi più lunghi (settimanalmente, mensilmente o annualmente), in modo tale da ricoprire una tipologia di utenza più vasta che usufruisce già degli abbonamenti attuali. In tal senso, si è pensato alla Comunità tariffaria Arcobaleno come laboratorio di sperimentazione per estendere questo sistema a periodi più lunghi.

 

Per il Comitato Generazione Giovani Ticino:
Rappi Stefano
Monaco Ivan
Baggi Marco

 

Leggi anche:
TicinoToday