Comunicato stampa - Generazione Giovani diventa sostenitore di easyvote

COME SI RINGIOVANISCE IL TICINO? UN’IDEA L’ABBIAMO AVUTA…

Tramite un simbolico contributo, i membri di Generazione Giovani PPD Ticino (Giovani PPD) sono diventati padrini e madrine (ovvero sostenitori) di easyvote. Ciò è avvenuto nella speranza che sempre più giovani capiscano il proprio ruolo fondamentale nella società odierna e nelle scelte che essa prende. 

In Svizzera la democrazia è diretta e per tutti. Nella vita di tutti i giorni le votazioni federali e cantonali rappresentano i momenti cruciali in cui la popolazione può intervenire chiaramente nella politica del nostro paese. Ma quanti cittadini sono consapevoli di questo diritto e ne fanno effettivamente uso? 

Alle votazioni cantonali di settembre 2017 meno di 100'000 persone si sono recate alle urne. Si tratta del 45% degli iscritti al voto. È impressionante pensare che alle votazioni di 10 anni prima, nel giugno 2007, la partecipazione al voto ha raggiunto la vergognosa cifra del 31,2%. Oltre che essere il mezzo più diretto con cui il cittadino può partecipare alla vita politica, il voto è fondamentale per legittimare le decisioni prese. Bisogna infatti riconoscere che esiste una certa differenza, per lo meno a livello etico-politico, tra una decisione presa dal 30% degli aventi diritto al voto rispetto ad una votazione in cui l’85% dei votanti si è voluta esprimere.

Per GG Ticino è inaccettabile che la popolazione, soprattutto i giovani, non partecipi alle votazioni, alle quali siamo chiamati fino a quattro volte l’anno sul piano federale. I dati dell’Ufficio di Statistica (USTAT) mostrano che nel nostro Cantone le decisioni sono prese dai più “anziani”. Infatti, le urne sembrano attirare per il 70,5% soprattutto le persone di un’età compresa tra i 66 e i 75 anni. I giovani adulti (da i 20 ai 25 anni) che votano sono purtroppo solo il 39,2%. 

Dal punto di vista dei Giovani PPD, per far tornare il Ticino un cantone giovane, bisogna svegliare tutte quelle ragazze e quei ragazzi che, nonostante possano dare il loro contributo, preferiscono che siano i più anziani a decidere per loro.

Detto ciò, Generazione Giovani ha deciso di sostenere chi, in modo semplice e neutrale, si impegna da anni per il coinvolgimento dei giovani nella politica, mettendo in prima linea la votazione stessa e non un partito o un tema in particolare. Si tratta proprio dieasyvote, un programma della Federazione Svizzera dei Parlamenti dei Giovani (FSPG), il quale piano piano si fa strada in tutta la Svizzera,per motivare i più giovani che ancora oggi non hanno (ancora) messo una volta una crocetta sul “sì” o sul “no”.

Il PPD e Generazione Giovani da anni sostengono l'introduzione di easyvote in molti Comuni del Canton Ticino, tra cui Lugano, Chiasso e Bellinzona. La decisione di Generazione Giovani di diventare ufficialmente padrini e madrine easyvote va pertanto a consolidare una collaborazione già in atto da tempo. Maggiori informazioni sui padrini e madrine easyvote su www.easyvote.ch/it/sostenitori.

A nome di Generazione Giovani PPD Ticino,
Il Segretario Romolo Pawlowski