PETIZIONE: aiutiamo i giovani ticinesi in disoccupazione!

Disoccupazione giovanile,
misure concrete per un Cantone sano!

Petizione di Generazione Giovani PPD Ticino
all’attenzione del Gran Consiglio.


Stando ai dati della SECO di ottobre, i giovani tra i 15 e i 24 anni che non svolgono alcuna attività lavorativa in Ticino sono 16'905 (il 3,2%)! Questo dato ci posiziona al 7° posto nelle graduatorie riguardanti i tassi di disoccupazione in Svizzera.

Considerando che nell’aprile del 2011 la Confederazione ha ridotto le prestazioni a favore dei giovani senza un impiego, tra cui figurava il loro diritto di frequentare corsi di formazione o di occupazione una volta terminato il periodo di disoccupazione, e osservando le statistiche del 2016 riguardanti i giovani che beneficiano dell’assistenza (699 persone tra i 18 e i 25 anni e 1'040 tra i 26 e i 35 anni), possiamo facilmente dedurre che la situazione in Ticino non è per niente delle migliori.

Dopo la notizia della riduzione delle contribuzioni federali, il nostro Cantone aveva reagito prontamente, modificando la Legge cantonale sul rilancio dell’occupazione (L-rilocc), inserendo delle prestazioni sotto forma di indennità e varando delle misure di sostegno alla ricerca di un impiego.

Anche il PPD, tramite un’iniziativa parlamentare generica presentata da Gianni Guidicelli e cofirmatari il 14 marzo 2011, ha voluto intensificare le misure proposte dal Consiglio di Stato. Nonostante l’iniziativa sia stata approvata dal Gran Consiglio il 24 marzo 2015 e l’Esecutivo cantonale abbia indicato in data 10 dicembre 2015 che l’entrata in vigore delle misure proposte dal nostro partito (art 10 L-rilocc) sarebbe stata stabilita in seguito, ad oggi non abbiamo ancora notizie dell’applicazione di tale testo.

Generazione Giovani PPD, considerati anche il miglioramento delle finanze cantonali, le numerose difficoltà che incontrano i giovani al termine della loro formazione, ed il crescente fenomeno dei giovani che ricorrono alle prestazioni assistenziali, ha quindi deciso di lanciare una petizione online aperta a tutti, ma in particolare ai giovani, volta a chiedere l’entrata in vigore delle indennità straordinarie di disoccupazione entro l’estate del 2018.

 

Per il Comitato Generazione Giovani Ticino:
Ivan Monaco
 

Insegnamento anticipato del tedesco nelle scuole ticinesi

Il tedesco è essenziale in Svizzera. Questo è un dato di fatto e un insegnamento anticipato di questa lingua permetterebbe ai nostri giovani di beneficiare di conoscenze migliori, che li aiuterebbero sia in un ambiente accademico, sia in un ambiente lavorativo.

In questo mondo sempre più interconnesso, in cui le relazioni con la Svizzera interna migliorano e aumentano di anno in anno, riteniamo che la situazione attuale non sia soddisfacente, in quanto soli tre anni di tedesco nelle scuole obbligatorie non sono sufficienti a garantire conoscenze di base. Difatti, molti giovani escono dalle scuole medie senza avere una solida base di questa importantissima lingua nazionale. Generazione Giovani Ticino appoggia dunque la petizione dei Giovani Liberali Radicali Ticinesi.

Per questi motivi, firma anche tu la petizione!

GG auspica comunque che l'insegnamento anticipato del tedesco non pregiudichi quello del francese, che rimane tutt'ora anch'esso essenziale per i nostri giovani.

Generazione Giovani Ticino sostiene la Strategia energetica 2050

La Svizzera dispone oggi di un approvvigionamento energetico sicuro e conveniente. Gli sviluppi economici e tecnologici in atto in ambito nazionale e internazionale stanno portando a un mutamento radicale dei mercati dell'energia. Per preparare la Svizzera al futuro assetto energetico, il Consiglio federale ha elaborato la Strategia energetica 2050, che dovrà consentire al nostro Paese di sfruttare con vantaggio le opportunità offerte dalla nuova situazione e di mantenere il suo elevato standard di approvvigionamento. Nel contempo la Strategia contribuirà a ridurre i carichi ambientali legati allo sfruttamento dell‘energia.

Ritenuto che la strategia presentata dal Governo federale è proporzionale alle future necessità del paese, GGTicino la sostiene!

1° incontro di formazione del 18 marzo 2017

Sabato 18 marzo, alla presenza di una trentina di giovani, si è riunito il movimento giovanile del PPD per un incontro formativo con al centro la tematica “il Comune”.

Il pomeriggio è iniziato con una parte introduttiva condotta dal relatore Gran consigliere GG Maurizio Agustoni che ha presentato gli organi istituzionali del Comune, concentrandosi soprattutto sul Legislativo e la carica di consigliere comunale.

Dopo la parte “teorica”, si è passati ai fatti; i presenti si sono immersi nella pratica sviluppando concretamente degli atti parlamentari (interpellanze, petizioni, mozioni, ecc.). Sotto la guida di esperti in materia come Raffaele De Rosa (Gran consigliere), Alice Croce-Mattei (Consigliera comunale GG a Bellinzona e candidata al Municipio per la Nuova Bellinzona), Alessio Carmine (Consigliere comunale GG di Ascona) e il già citato Maurizio Agustoni, i giovani PPD hanno toccato con mano la politica comunale e hanno dato il via a una serie di incontri formativi che verranno proposti nel corso di tutto l’anno (il prossimo è previsto nel mese di maggio).

I temi sollevati durante la parte pratica sono stati svariati e di campi molto diversi fra loro: dalle proposte di migliorie per la condizione di approvvigionamento idrico, alla rivitalizzazione di Piazza del Sole a Bellinzona; dall’introduzione di un progetto Bike-sharing per il proprio Comune all’interrogazione che chiedeva chiarimenti all’Esecutivo circa avvenimenti preoccupanti successi su suolo scolastico.

“Una possibilità di confrontarsi con persone già attive e con esperienza nel campo che hanno dedicato del tempo per guidarci nel mondo del Consiglio comunale”, “un pomeriggio dove si è riusciti ad unire divertimento e serietà in un unico incontro”, “incontrarsi, confrontarsi e applicarsi come in una sorta di palestra, per poter poi scendere in campo e giocare una partita in piena forma” sono alcune testimonianze suscitate dai partecipanti.

Un incontro che ha ottenuto la soddisfazione del Comitato di Generazione Giovani, in particolare dei responsabili del Gruppo di lavoro “formazione e studio”, e che si inserisce nel programma annuale del movimento giovanile come primo tassello della formazione giovanile. Partendo dalla politica comunale, i prossimi incontri saranno orientati verso la politica cantonale e federale. In quest’ottica, si riuscirà, nel corso dell’anno, ad offrire un apprendistato a 360 gradi sulle basi della politica svizzera, contribuendo ad avere più “giovani formati e vincenti”.
 

Documenti

Invito all'incontro di formazione (pdf)
Breve promemoria e glossario definizioni del Comune (pdf)