Per un futuro sui binario giusti: Binario 5!

Treni saturi. Mancanza di comfort. Viaggi in piedi. E una volta arrivati a destinazione, occorre ancora pagare il biglietto o andare a piedi. Questa è la situazione che vivono ogni fine settimana diversi studenti ticinesi che si recano oltralpe a studiare.

Secondo l’Ufficio cantonale di statistica, gli studenti iscritti negli atenei della Svizzera interna e della Svizzera romanda durante l’anno accademico 2017-18 sono 4'547. Un numero in costante crescita, come confermato dai dati dell’USTAT. Infatti, già solo rispetto al 2013-14, ci sono circa 400 Ticinesi in più impegnati oltralpe nei propri studi universitari. Inoltre, questi dati non tengono in considerazione le scuole universitarie professionali, gli apprendistati e le altre formazioni, che molti giovani del nostro Cantone frequentano. In sostanza, ogni fine settimana migliaia di Ticinesi si spostano lungo l’asse del San Gottardo.

Tra questi, molti sono titolari di un abbonamento Binario 7, che permette di viaggiare gratuitamente dalle 19 alle 5 del giorno dopo sulla rete FFS. Tuttavia, essendo obbligati a partire dopo le sette di sera, gli studenti riempiono facilmente i convogli diretti a Nord o a Sud, soprattutto durante i fine settimana, momento in cui, oltretutto, si muovono anche un sacco di turisti. Questi ultimi, approfittando dei biglietti risparmio e per godere appieno dei giorni di ferie, tendono a spostarsi la sera. Con questi due grossi gruppi di persone che si muovono dopo le sette di sera (senza considerare i militi impegnati nel proprio servizio, che solitamente tornano in caserma la domenica sera), i treni serali che si dirigono verso o che lasciano il Ticino sono particolarmente colmi, andando a ledere sul comfort, sulla tranquillità e, ovviamente, anche sulla sicurezza.

Siamo consci che le FFS si sono già impegnate nell’aumentare le corse serali la domenica sera in direzione Nord (cosa di cui siamo grati), tuttavia è il momento di modificare sostanzialmente l’offerta per i giovani che si spostano alla sera verso i propri luoghi di studio. Generazione Giovani PPD Ticino propone infatti l’ampliamento dell’attuale Binario 7 e l’introduzione di un nuovo tipo di abbonamento destinato agli studenti, il Binario 5.

Entrambi dovrebbero essere validi sino alle 7 di mattina e non solo fino alle 5, in modo da garantire agli studenti anche gli spostamenti mattutini. Per quanto riguarda l’orario di inizio, per il Binario 7 rimarrebbe fisso alle 19, mentre per l’auspicato Binario 5, l’orario di validità corrisponderebbe alle 17! In questo modo, si diluirebbero i giovani passeggeri sui treni già dalle cinque di sera. Questa opportunità sarebbe molto comoda per i Ticinesi che si recano in Università più lontane, come Losanna, Ginevra e Neuchâtel.

Entrambi i tipi di abbonamenti, in più, dovrebbero essere garantiti non solo fino ai 25 anni di età, ma anche a tutti gli studenti, fino al termine dei propri studi. Inoltre, sia l’attuale Binario 7, sia il futuro Binario 5 dovrebbero valere sull’intera rete di trasporti urbani in tutta la Svizzera (oggi solamente in poche città il Binario 7 è valido su bus e tram).

Queste sono le richieste che abbiamo presentato al Comitato federale dei giovani PPD svizzeri e sono contenute nel documento che verrà posto in votazione all’Assemblea dei delegati di sabato 1. settembre 2018 a Ginevra. In questo modo, la presa di posizione non sarebbe unicamente ticinese, ma anche svizzera. Infatti, i cambiamenti sperati da GG PPD Ticino non porterebbero vantaggi unicamente ai giovani ticinesi, ma anche a tutti i nostri cugini d’oltralpe, siccome gli abbonamenti FFS possono essere stipulati da chiunque. Si tratta dunque di proposte a favore dei giovani e a favore degli studenti!

È notizia di alcune settimane che le FFS stanno già elaborando delle modifiche dell’attuale Binario 7, a partire dal cambio di nome dell’abbonamento. Inoltre, benché venga a costare di più, esso dovrebbe essere valido su tutte le reti urbane elvetiche, che era appunto una nostra richiesta. Siamo dunque molto contenti che l’ex-regia federale si stia muovendo nella giusta direzione. Tuttavia, occorre ribadire che un aumento delle possibilità offerte agli studenti, andrebbe a beneficio di tutti. In particolare, una maggiore distribuzione degli studenti sui treni già a partire dalle 5 di sera, oltre a giovare ai giovani stessi, permetterebbe anche ai turisti di beneficiare di viaggi più confortevoli e al personale di lavorare più serenamente.

Come Giovani PPD ticinesi vogliamo che il viaggio in treno sia effettivamente un viaggio sereno. Le poche volte in cui gli studenti tornano a casa non devono essere fonte di stress e arrabbiature, ma momenti piacevoli da trascorrere studiando, chiacchierando o anche solo osservare dal finestrino gli stupendi paesaggi elvetici.

 

Bellinzona, 31 agosto 2018.

 

Enea Monticelli
Presidente

 

Romolo Pawlowski
Segretario